Apnee notturne e reflusso gastroesofageo. Esiste un collegamento?

da 6571

Il reflusso gastroesofageo (GERD) è una condizione in cui il contenuto dello stomaco refluisce nell'esofago, causando irritazione e danno alla mucosa esofagea. Questo può causare sintomi come bruciore di stomaco, dolore toracico, tosse, difficoltà a deglutire e rigurgito acido.

Il reflusso gastroesofageo è causato da un malfunzionamento del cardias, il muscolo che separa lo stomaco dall'esofago. Normalmente, il cardias si chiude per impedire che gli acidi e i succhi gastrici refluiscano nell'esofago. Tuttavia, nei pazienti con GERD, il cardias non funziona correttamente, permettendo al contenuto dello stomaco di refluire nell'esofago.

Il trattamento del reflusso gastroesofageo può includere cambiamenti nello stile di vita, come evitare determinati cibi e bevande, mantenere una dieta equilibrata, evitare di coricarsi subito dopo aver mangiato, e evitare la posizione supina durante il sonno. In casi gravi, il medico può prescrivere farmaci per ridurre la produzione di acido nello stomaco o aiutare a migliorare il funzionamento del cardias.

Apnea notturna e reflusso Gastrico sono patologie molto diverse tra loro, ma c’e’ un collegamento?

Sì, l'apnea notturna e il reflusso gastroesofageo sono spesso associati. L'apnea notturna può causare un aumento della pressione nella parte inferiore dell'esofago, il che può provocare il reflusso acido nell'esofago. Inoltre, la posizione supina utilizzata durante il sonno può peggiorare il reflusso gastroesofageo.

Il trattamento dell'apnea notturna con la terapia CPAP può aiutare a ridurre i sintomi del reflusso gastroesofageo, ma è importante che i pazienti che soffrono di entrambe le condizioni consultino un medico per determinare il trattamento più appropriato per la propria situazione.

Ci sono degli studi che confermano questa correlazione?

Sì, ci sono diversi studi che hanno esaminato la relazione tra apnea notturna e reflusso gastroesofageo. Questi studi hanno dimostrato che la terapia CPAP può ridurre i sintomi del reflusso gastroesofageo nei pazienti con apnea notturna.

Ad esempio, uno studio pubblicato nel "Journal of Clinical Gastroenterology" ha rilevato che la terapia CPAP ha migliorato significativamente i sintomi del reflusso gastroesofageo nei pazienti con apnea notturna, rispetto ai pazienti che non avevano ricevuto la terapia CPAP.

Inoltre, un altro studio pubblicato nel "Chest Journal" ha riportato che la terapia CPAP è associata a una riduzione significativa dei sintomi del reflusso gastroesofageo nei pazienti con apnea notturna.

In sintesi, ci sono studi che supportano l'idea che la terapia CPAP possa aiutare a ridurre i sintomi del reflusso gastroesofageo nei pazienti con apnea notturna.

Come stabilire una diagnosi?

La ricerca di una diagnosi verte quindi sulla presenza di sintomi che possano far pensare a una condizione di apnea notturna. Ecco quindi che l'indagine verterà sulle abitudini del sonno e sulla presenza o meno di un russamento cronico. Di solito il medico prescrive una poligrafia notturna per un'indagine completa e approfondita.

Alcuni consigli per disinnescare la correlazione tra apnee notturne e reflusso gastroesofageo

Molti dei fattori che possono portare al reflusso gastro esofageo sono comuni con quelli che causano le apnee notturne. Tenerli sotto controllo potrà quindi aiutare in un duplice ambito:

- Sovrappeso e obesità

- Consumo di alimenti ad alto contenuto di grassi

- Fumo, alcool e abuso di caffè e cioccolato

 

Sintomi comuni del Reflusso gastroesofageo

 

I sintomi del reflusso gastroesofageo (GERD) possono includere:

Bruciore di stomaco: una sensazione di bruciore o dolore nella parte superiore dell'addome o dietro lo sterno.

Dolore toracico: una sensazione di dolore o pressione nel petto.

Tosse: una tosse persistente o cronica, soprattutto di notte.

Rigurgito acido: la sensazione di acido o cibo che sale nella gola.

Difficoltà a deglutire: una sensazione di ostacolo o di blocco durante la deglutizione.

Nausea: una sensazione di malessere o di fastidio allo stomaco.

Ronzio o raucedine: una voce roca o nasale o un rumore di ronza durante il sonno.

I sintomi del GERD possono variare da persona a persona e possono essere lievi o gravi. Se i sintomi sono persistenti o interferiscono con la qualità della vita, è importante parlare con il medico per una diagnosi e un trattamento appropriati.

 

Vieni a trovarci per una consulenza o contattaci!

Vuoi saperne di più?

Contattaci, siamo qui per aiutarti
Prodotti correlati

Dal menu

Account